7 Febbraio 2012
MALTEMPO: VACCHE E MAIALI AL GELO

Le mucche e i maiali nelle stalle devono fare i conti con i danni provocati dal gelo alle condutture che portano l’acqua agli abbeveratoi. Non solo le stalle isolate della montagna rischiano di rimanere senza acqua ma anche le nuove e tecnologiche stalle di pianura dove comunque la temperatura minima ha toccato in questi giorni -15 gradi. Ogni mattina gli agricoltori devono sbrinare le tubature delle strutture per consentire agli animali di bere e mangiare.
È la Coldiretti a segnalare le difficoltà degli allevamenti reggiani ma precisa anche che al momento non si registrano, nella nostra zona, particolari problemi legati a ritardi nelle consegne di mangimi.

Molti agricoltori della Coldiretti, con trattori utilizzati come spalaneve e spandiconcime adattati per la distribuzione del sale contro il gelo, sono mobilitati anche per pulire le strade secondarie e garantire una viabilità accettabile, per non lasciare le aziende agricole isolate.

A rischio fino ad ora ci sono le coltivazioni invernali come cavoli, verze, radicchi e broccoli, ma se la temperatura dovesse continuare a scendere a soffrire sarebbe anche la vite come è accaduto - precisa la Coldiretti - con il grande freddo del 1985 i cui effetti sono durati anni.
Ogni giorno sulle strade italiane circolano circa cinquantamila tonnellate di prodotti alimentari deperibili tra latte, frutta e verdura che quotidianamente lasciano le aziende agricole e le stalle per raggiungere stabilimenti e quindi negozi e supermercati. Se le condizioni della circolazione non ritorneranno entro pochi giorni alla normalità in agguato si ripresenterà il pericolo della speculazione dei prezzi.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi