16 Ottobre 2011
16 OTTOBRE – GIORNATA MONDIALE DELL’ALIMENTAZIONE

Nella giornata nazionale dell’alimentazione, voluta dalla Fao per ricordare a tutti l’importanza dell’alimentazione e che si celebra domani 16 ottobre, si parla di fame. Un concetto che dovrebbe essere ormai sradicato dal mondo ma che per molti motivi invece purtroppo è ancora presente ed ultimamente di attualità anche nei paesi occidentali, Italia compresa.
L'aumento vertiginoso dei prezzi dei prodotti alimentari, in associazione alle periodiche crisi di mercato, ha effettivamente accentuato, negli ultimi anni, la drammaticità del problema anche nei paesi “ricchi”.
L’alimentazione è uno dei bisogni fondamentali dell’uomo per soddisfare il quale l’agricoltura rimane fondamentale e imprescindibile.
“Le attività agricole di molti Paesi sono messe in discussione - commenta Marino Zani, presidente della Coldiretti di Reggio Emilia sulla base del rapporto curato da Fao, Pam e Ifad – dalla insostenibile volatilità dei prezzi fortemente condizionata dai movimenti di capitali che si spostano dai mercati finanziari a quelli dei metalli preziosi fino alle materie prime come grano, mais e soia”.
Sono gli effetti drammatici di una globalizzazione senza regole che ha drammaticamente legittimato la derubricazione del tema cibo fino a farlo considerare una merce qualsiasi con effetti che vanno dalla speculazione sulle materie prime al furto di milioni di ettari di terre fertili a danno dei Paesi più poveri, con il fenomeno del land grabbing.

“È già grave che il sistema della finanza, dell’economia di carta, si sia affermato sull’economia reale, in un mondo che premia chi vive di rendita e di speculazioni o non di lavoro – continua Zani in linea con il presidente nazionale Sergio Marini. L'emergenza alimentare non si risolve con i prezzi bassi all’origine che non consentono all’agricoltura di sopravvivere destrutturando il sistema che non è più in grado di riprendersi anche in condizioni positive. Occorre investire nell’agricoltura con azioni che sappiano potenziare le produzioni locali con la valorizzazione delle identità territoriali per sfuggire all'omologazione che deprime i prezzi e aumenta la dipendenza dall’estero”.
Alle agricolture di tutto il mondo - conclude Coldiretti - devono essere garantiti credito e investimenti adeguati se si vuole continuare a sfamare una popolazione che aumenta vertiginosamente, si devono applicare regole chiare per evitare che sul cibo si inneschino speculazioni vergognose, occorre garantire trasparenza e informazione ai consumatori.

In concomitanza con la Giornata nazionale dell’alimentazione la Coldiretti ha siglato un protocollo d’intesa tra la Rete delle organizzazioni contadine dell'Africa occidentale ROPPA per la promozione dell’agricoltura familiare sostenibile. L’accordo firmato chiede l’adozione di regole per porre un freno alle speculazioni internazionali e al land grabbing da parte di enti pubblici e privati, rafforzando nel contempo il diritto di accesso alla terra delle comunità locali e dei popoli indigeni. “Il mondo ha fame e i più affamati sono proprio gli agricoltori”, ha affermato Djibo Bagna nigerino, alla testa della Rete delle Organizzazioni contadine e dei produttori dell’Africa occidentale, nel sottolineare che “la collaborazione tra Coldiretti e Roppa ha l’obiettivo di cogliere la parte migliore della Politica Agricola Comune in un momento in cui l’Africa occidentale sta costruendo la propria politica comune ma anche di condividere esperienze per la valorizzazione del prodotto agricolo sul mercato a sostegno dell’impresa familiare.

Durante la settimana le aziende agricole presenti ai mercati contadini di Campagna Amica offriranno la loro conoscenza del patrimonio agroalimentare locale per riflettere sul valore del cibo attraverso consigli e curiosità.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Approfondisci

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi